L'attività

La produzione

Premi e Riconoscimenti

Vincitrice dei Concorsi:

  • Apeparchi  2007 - Mieli dei Parchi d'Italia
  • TRE GOCCE D'ORO 2001 - Grandi Mieli d'Italia

Azienda aderente al Marchio "Sapore di Campania"


La storia dell'imprenditrice Adriana Ferrigno raccontata nel libro "Di lava e d'acciaio" di Francesca Vitelli.

 

Aspromiele

Prestito di conduzione anche per l'apicoltura

(20 aprile 2018)

Per la prima volta anche l’apicoltura rientra nel bando della Regione Piemonte che sostiene le anticipazioni colturali.

http://www.regione.piemonte.it/cgi-bin/agri/leggi/pub/bando.cgi?id=404&montagna=

Beneficiari: Possono beneficiare dell’aiuto le piccole e medie imprese (PMI) aventi sede operativa in Piemonte.

Determinazione della spesa ammissibile: Il prestito di conduzione, della durata massima di un anno, ha lo scopo di anticipare i capitali necessari per far fronte ai costi dei mezzi tecnici utilizzati nei cicli produttivi aziendali, in attesa del ricavo futuro a seguito della vendita dei prodotti agricoli e zootecnici ottenuti. Per le aziende apistiche l’importo è di 40 euro per alveare.

Limiti del prestito ammissibile: L’importo del prestito di conduzione ammissibile a finanziamento dovrà essere compreso tra un minimo di € 5.000,00 ed un massimo di € 80.000,00.

Intensità dell’aiuto: La D.G.R. n. 11-5559 del 25/03/2013 ha fissato il contributo regionale nell’1% per le imprese ubicate in zona di pianura o di collina e nell’1,5% per quelle ubicate in zona di montagna;

Ha stabilito inoltre che nel caso in cui almeno il 50% dell’importo del prestito sia assistito da garanzia prestata da confidi il contributo sia aumentato di 0,30 punti percentuali.

Leggi dettagli

Furto a La Morra (CN)

(10 aprile 2018)

Siamo nuovamente a scrivere di un ennesimo furto, questa volta solo a quindici giorni di distanza dall'ultimo, avvenuto anch'esso in Provincia di Cuneo. Dal monregalese ci spostiamo nel cuore delle Langhe, precisamente nel comune di La Morra, culla del pregiato vino Barolo. Il furto risale con ogni probabilità alla giornata di venerdì o sabato scorso, in quanto le condizioni meteo degli altri giorni avrebbero reso impraticabile l'operazione dei malintenzionati.
In questo caso si è trattato di nuclei pronti per la stagione, il numero di cassettini rubati non supera la decina ma poco importa, indipendentemente dal numero, si tratta sempre - come non ci stancheremo mai di scrivere e denunciare – di un gesto pessimo e di una indegnità ineffabile. Come di consueto, dopo regolare denuncia alle forze dell’ordine, ci impegniamo a diffondere le fotografie del materiale rubato e a chiedere a tutti coloro i quali abbiano qualche informazione in più sull'accaduto di contattarci immediatamente.
Ricordiamo ed esortiamo  ancora tutti gli apicoltori a segnalarci furti, anomalie o movimenti ed operazioni sospette. L’onestà è uno dei valori morali fondamentali cui si ispira e persegue la nostra associazione.

 

Dolce Valle ad Asti e Alba

(04 aprile 2018)

Dal 23 al 25 marzo ha avuto luogo la manifestazione Dolce Valle edizione zero che ha visto coinvolte contemporaneamente le città di Asti e Alba. Tre giorni intensi di degustazioni, eventi e chiacchiere a tema. Un grande evento nato e pensato per promuovere un territorio e i sui prodotti “dolci”, partendo dal Moscato, nocciola Piemonte Igp e il miele. L’evento, sostenuto dagli Assessorati all’Agricoltura e al Turismo della Regione, ha visto coinvolti in primis il Consorzio dell’Asti D.O.C.G., il Consorzio Tutela Nocciola Piemonte e Aspromiele.  E’ stata un’ottima opportunità di promozione nel segno del paesaggio e dei prodotti d’eccellenza.
Aspromiele ha partecipato con stand istituzionali sia ad Asti che ad Alba, offrendo degustazioni di miele presso l’honey bar, mini corsi dedicati, chiacchiere dolci: “Dalla parte delle Api - I segreti del miele raccontati da chi lo produce con gioco e degustazione a sorpresa”, giochi didattici ed intrattenimento per bambini. Hanno contribuito ad arricchire la manifestazione con i propri prodotti undici Aziende apistiche presso lo stand di Alba e cinque presso lo stand di Asti. Il meteo non del tutto clemente non ha agevolato l’afflusso di visitatori e la soddisfazione delle aziende ha visto alternarsi giudizi positivi e negativi.
Complessivamente l’organizzazione ha espresso bilancio positivo con la prospettiva di guardare ad una seconda edizione.

Vedi depliant finale

Convocazione ordinaria soci

(03 aprile 2018)

L’assemblea dei soci di Aspromiele si terrà in prima convocazione il giorno mercoledì 18 aprile alle ore 6,00 in C.so Crimea 69, Alessandria (IV piano) e in seconda convocazione il giorno giovedì 19 aprile alle ore 18,00 con il seguente Ordine del giorno:
Approvazione relazione del Revisore legale dei conti;
Approvazione bilancio 2017;
Varie ed eventuali

Vedi lettera di convocazione

 

Tetela delle api per un'agricoltura innovativa e sostenibile

(19 marzo 2018)

E' nato in questi giorni un nuovo coordinamento tra Agrion, Aspromiele, Piemonte Miele e il Settore Fitosanitario e servizi tecnico-scientifici della Regione Piemonte. Obiettivo: condividere saperi, progetti e idee, accrescere competenze, il tutto per una agricoltura sempre più rispettosa delle api e dunque della biodiversità e dell'ambiente.
I quattro componenti del coordinamento sono infatti soggetti che operano nei loro settori per garantire ricerche e progetti che guardano a un'agricoltura piemontese sostenibile, in grado quindi di coniugare qualità delle produzioni con un impatto limitato sull'ambiente circostante.
Verrà attivato un monitoraggio per diverse macro aree in Piemonte così da poter individuare eventuali casi di criticità.
Inoltre i tecnici di Aspromiele, che già prendono attivamente parte ai coordinamenti regionali del Settore Fitosanitario, saranno invitati ai tavoli di lavoro dei tecnici Agrion così da avviare una nuova metodologia di lavoro che vede i tecnici del settore miele operare in stretta sinergia con i diversi settori ortofrutticoli.

Vedi Comunicato stampa

 

Movimentazioni in Lombardia, novità

(13 marzo 2018)

La Regione Lombardia ha redatto una nota regionale riguardante tutte le movimentazioni (compravendita, nomadismo) di materiale vivo da e verso la regione stessa.
Il testo integrale è visualizzabile: nota 6-2-2018 e nota 19-1-2018
In particolare per le pratiche di nomadismo da e verso la Lombardia è necessario comunicare e registrare in BDA entro il 15/03/2018 gli spostamenti che si intendono effettuare durante tutta l’annata 2018.
Chiediamo pertanto agli apicoltori interessati che hanno delegato Aspromiele alla gestione della BDA di comunicare entro il 14/03/2018 gli spostamenti da registrare in BDA.

Furto a Monastero di Vasco (CN)

(09 marzo 2018)

Ad un mese esatto dall’ultimo furto che ci è stato segnalato (vedi-link notizia), una segnalazione uguale ma ben più grave per la quantità di casse rubate, è arrivata in questi giorni.
Nel comune di Monastero di Vasco (CN), in una zona protetta da recinzione nei primi giorni di marzo si è consumato un abigeato di alveari che ha visto all’apicoltore sottratti ben 45 nuclei e 35 alveari. Dopo regolare denuncia alle forze dell’ordine ci impegniamo come associazione a denunciare fermamente questo tipo di reato che sicuramente è stato compiuto da altri apicoltori. Ci auguriamo che con le fotografie del materiale rubato e con l’aiuto del passaparola si possa ottenere qualche informazione in più sull’accaduto.
Ricordiamo ed esortiamo tutti gli apicoltori a segnalarci furti, anomalie o movimenti ed operazioni sospette, l’onestà è uno dei valori morali fondamentali cui si ispira e persegue la nostra associazione.

Luca Mercalli racconta le api

(27 febbraio 2018)

In occasione del seminario di Piemonte Miele del 1 dicembre 2017, tra i relatori era presente anche Luca Mercalli, climatologo e Presidente della Società Meteorologica Italiana.
Il dott. Mercalli è rimasto molto colpito dalle problematiche legate al mondo dell'apicoltura, in particolare dall'argomento pesticidi, e si è dichiarato disposto a diffonderli tramite i suoi canali di comunicazione per sensibilizzare il grande pubblico.
Il testo che segue è scritto da Claudio Porrini e sottoscritto congiuntamente dai presidenti di Unaapi, Aspromiele e Piemonte Miele.

Problemi apistici in pillole. Luca Mercalli racconta le api.
Da troppo tempo le api ci raccontano di un territorio non più adatto a loro, cementificato e impoverito nella sua biodiversità da una cultura miope indirizzata solo allo sfruttamento delle risorse.
Da troppo tempo le api da miele producono poco e male. Muoiono e scompaiono, come le loro cugine selvatiche, uccise dai pesticidi e dalle malattie che indeboliscono le loro difese immunitarie, già compromesse dalla scarsa qualità di pollini e nettari.
Le monocolture, la mancanza di rotazioni, i pesticidi e gli erbicidi riducono la diversità delle coltivazioni e tutta quella flora spontanea che potrebbe essere utile per soddisfare il loro fabbisogno. Intercettano spesso invece insetticidi, fungicidi, diserbanti, e il glifosato tra quest’ultimi, che certo alle loro difese immunitarie non fanno così bene.
È facile sostenere che senza il glifosato l’agricoltura potrebbe andare a rotoli! La verità è che senza il glifosato il modello di produzione agricola, che ha prevalso dagli anni ’50, potrebbe essere ripensato, che non utilizzandolo non lo ritroveremmo più negli alimenti, e che senza il suo impiego ci sarebbero più fiori per le api, anello fondamentale per la produzione agricola, per gli altri organismi utili e per la biodiversità.
Testo a cura di Claudio Porrini
Dipartimento di Scienze e Tecnologie Agro-Alimentari (DISTAL), Università di Bologna

Qui il documento

Brochure esplicativa Aspronovar

(26 febbraio 2018)

Grazie al contributo del Reg. Ue 1308/13, Aspromiele ha potuto realizzare la brochure esplicativa di Aspronovar (dosatore di acido formico) dove vengono indicati i consigli di utilizzo. Dosatore realizzato da aziende professionali novaresi, e successivamente ceduto ad Aspromiele, che ha curato le sperimentazioni, e oggi è disponibile per tutto il settore apistico.

Scarica brochure pag 1

Scarica brochure pag 2

Furto nuclei a Rocca d’Arazzo (AT)

(16 febbraio 2018)

Siamo ormai prossimi all’inizio di una nuova annata apistica ed ecco che ritorna alla ribalta il problema furti. Ci segnalano che presso un apiario in località Rocca d’Arazzo, comune dell’astigiano, nei primi giorni di febbraio è avvenuto un furto di 40 nuclei.  Purtroppo dopo annate così difficili per le produzioni apistiche ulteriori danni causati da persone senza scrupoli rischiano di mettere in seria difficoltà il settore. 

Servizio di consulenza on-line sul polline d’api

(06 febbraio 2018)

La produzione del polline d’api in questi ultimi anni riscuote sempre più interesse da parte degli apicoltori, Aspromiele ha seguito la crescita di questa pratica sviluppando un’attività di ricerca e consulenza per accompagnare la crescita professionale delle aziende che hanno visto in questo prodotto dell’alveare una nuova opportunità professionale. Oggi l’apicoltura italiana ha acquisito una sufficiente conoscenza delle tecniche di produzione, conduzione degli alveari e della gestione del polline sotto il profilo igienico-sanitario, ma poco sappiamo su ciò che questo prodotto rappresenta come alimento e quali interazioni può avere sull’organismo umano.
Ancora molti sono i dubbi e le perplessità che ci colgono di fronte alle domande che il consumatore ci pone: spesso non sappiamo rispondere e ci avventuriamo in improbabili ricerche in rete o nella lettura di quei pochi e difficili testi che ci possono fornire qualche indicazione.
Per migliorare le nostre conoscenze sugli aspetti nutrizionali e la capacità di fornire indicazioni corrette e veritiere ai nostri clienti, Aspromiele ha avviato un servizio di consulenza gratuita, esclusivamente rivolto agli apicoltori associati, curato dalla biologa-nutrizionista dott.ssa Michela Del Torchio, nostra consulente sull’aspetto nutrizionale e coautrice della brochure sul polline realizzata da Aspromiele.
Michela Del Torchio sarà contattabile al seguente indirizzo e-mail: michela.deltorchio@aspromiele.it per rispondere alle domande degli apicoltori, riguardanti le caratteristiche alimentari del polline d’api.
Questo servizio di consulenza, realizzato a titolo sperimentale, sarà attivo per tutto il 2018. Si raccomanda alle persone interessate di indicare sempre il proprio nominativo e indirizzo o ragione sociale e sede aziendale.

Censimento 2017

(11 gennaio 2017)

Sebbene il Ministero della Salute non abbia notificato alcuna proroga per la data di registrazione dei censimenti 2017 si informa che il sito dell'Anagrafe Apistica non blocchera' le registrazioni tardive. E' pero' importante che la data di censimento faccia riferimento al periodo novembre-dicembre 2017 (anche se registrata nel gennaio 2018).

 

Anagrafe apistica nazionale: nuovo decreto sulle movimentazioni

(11 gennaio 2017)

In data 22 novembre è stato convalidato un nuovo decreto a firma congiunta del Direttore Generale della sanità animale e dei farmaci veterinari del Ministero della Salute e del Direttore Generale dello sviluppo rurale del Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali , che contiene disposizioni e indicazioni per la comunicazione e registrazione nella Banca Dati Apistica Nazionale (BDA) delle movimentazioni sul territorio nazionale di materiale apistico vivo.

In sintesi il decreto dispone che:

    1) devono essere registrate in BDA tutte le movimentazioni di alveari, pacchi d'ape o api regine, effettuati a qualsiasi fine, comprese quelli per attività di nomadismo o per servizio di impollinazione;
    2) la registrazione non è necessaria per gli spostamenti da e verso apiari, di proprietà dello stesso apicoltore, che avvengono all’interno della stessa provincia e non determinano l’attivazione o disattivazione di un apiario;
    3) le informazioni riguardanti la movimentazione devono essere registrate in BDA prima di iniziare lo spostamento o contestualmente all’inizio dello stesso;
    4) queste informazioni possono essere modificate o integrate nei sette giorni successivi alla movimentazione;
    5) le movimentazioni di api regine possono essere comunicate con cadenza mensile e in maniera cumulativa (entro la fine del mese successivo a quello in cui si sono verificate le movimentazioni);
    6) gli apicoltori possono identificare le singole arnie mediante un codice costituito dal codice identificativo dell’allevamento seguito da un codice univoco identificativo dell’arnia;
    7) il decreto diventa pienamente operativo allo scadere dei 180 giorni successivi alla sua entrata in vigore (indicativamente il 21 maggio 2018).

Qui il testo del decreto interdirettoriale

Furti nel canavese, attenzione!

(29 dicembre 2017)

Si stanno ripetendo le segnalazioni di furti di alveari, tentati o riusciuti, nel canavese, provincia di Torino. Tutti coloro che posseggono alveari in questo territorio pongano particolare attenzione.