Notizie

Mappa segnalazioni furti 2017

Aspromiele -

(18 maggio 2018)

Grazie alle segnalazioni dei soci è stato possibile mappare i luoghi dove sono avvenuti i furti nel 2017, questo ci permette di allertare gli apicoltori che hanno postazioni in zone a rischio e le forze dell’ordine che presidiano tali zone.
Segnalare i furti subiti è quindi importante, Aspromiele ha attivato a tal proposito una apposita mail: monitoraggio.furti@aspromiele.it

Come anticipato nelle riunioni autunnali e primaverili di zona, Aspromiele, per contrastare i furti, sta finalizzando l’acquisto collettivo di specifici sistemi antifurto. I soci interessati all'acquisto collettivo contattino il proprio tecnico di zona. 

Vedi mappa segnalazioni furti 2017

Agricoltura e apicoltura

Aspromiele -

(15 maggio 2018)

Aspromiele torna a richiedere alla Regione una maggior attenzione verso l’utilizzo dei prodotti fitosanitari in agricoltura.
Con una nota inoltrata agli Assessorati  Agricoltura, Sanità, Ambiente e al Comando Regionale Carabinieri Forestali, sono state evidenziate vecchie e nuove criticità nei confronti  delle api e tutti gli insetti pronubi, che emergono da un uso talvolta non corretto dei  fitofarmaci.
Risulta indispensabile che l’elaborazione di strategie e azioni di mitigazione e adattamento alle nuove condizioni produttive del settore agricolo siano adottate considerando prioritariamente gli effetti sugli insetti impollinatori e la ricaduta sull’ambiente in generale.
In riferimento a criticità di tipo comunicativo in ambito di coordinamento e gestione dei bollettini periodici contenenti indicazioni sugli interventi fitosanitari emessi dal Settore Fitosanitario, da Agrion e dai Centri di Assistenza Tecnica delle Associazioni agricole è stata evidenziata la necessità di adottare sistemi di comunicazione più diffusi, ad esempio comunicati a mezzo stampa, e un maggior coinvolgimento delle organizzazioni del settore corilicolo, affinché vi sia collaborazione per la diffusione di pratiche rispettose degli insetti pronubi.
Di fronte a fenomeni di presunti avvelenamenti, l’intervento degli organi di controllo si dimostra in molti casi inefficace e talvolta assente. E’ stato richiesto di uniformare le modalità operative in ambito regionale chiarendo e definendo le competenze in merito ai controlli, l’adozione di procedure di intervento e di campionamento sia della matrice api  che eventuali matrici vegetali, nonché l’individuazione delle metodiche analitiche di riferimento.

Un posto, finalmente, al sole

Aspromiele -

(08 maggio 2018)

Erano diversi anni che a Oleggio (e purtroppo non solo) nei primi giorni di maggio pioveva e faceva freddo.
Memori del passato ci siamo attrezzati con gazebo di emergenza e molta pazienza, anche perchè le previsioni volgevano ancora al brutto.
Invece questo è stato un anno di sole. Finalmente!
Sono state decine di migliaia i visitatori alla fiera agricola di Oleggio, tantissimi quelli che si sono fermati ad ammirare le prodezze di Roberta e Giovanna Cesareo, le nostre esperte di didattica che, dalla gabbia di volo, hanno fatto conoscere il mondo delle api ai molti curiosi consumatori.

Furto a Gattinara (VC)

Aspromiele -

(03 maggio 2018)

Nella notte del 25 aprile, si è verificato un nuovo furto, nel comune di Gattinara (VC). Sono stati rubati 9 alveari. Chiunque dovesse riconoscere le marchiature sulle arnie e sui favi ci avverta immediatamente.

Autorizzazioni per trattamenti fungicidi in fioritura in deroga alla L.R. 20/98: sospetti spopolamenti

Aspromiele -

(30 aprile 2018)

Il servizio fitosanitario regionale, in relazione all’andamento meteorologico, ha emesso recentemente alcune autorizzazioni al trattamento in fioritura con fungicidi, in deroga a quanto stabilisce la legge regionale n. 20/98. Le colture attualmente interessate sono state: albicocco, ciliegio, pero e melo.
Nel corso dell’ultima settimana sono state segnalate alcune situazioni di sospetto spopolamento degli alveari, laddove questi sono in zone frutticole.

A tale riguardo si ricorda agli apicoltori la procedura da seguire:
1- contattare con tempestività sia il veterinario dell’Asl di competenza del territorio in cui è situato l’apiario, sia il tecnico Aspromiele;
2- richiedere che sia verbalizzato quanto è stato osservato negli alveari;
3- richiedere un campionamento di api morenti (se presenti) e di una porzione di favo con polline (10 x 10 cm). Ogni campione deve essere ripartito in 3 sottocampioni: uno per l’Asl, uno per l’apicoltore ed uno per Aspromiele. I campioni devono essere codificati con codice apicoltore, luogo prelievo e data. I campioni devono essere velocemente riposti in congelatore.

Ricordiamoci: ogni segnalazione non verbalizzata, è un evento mai accaduto.

Approvato lo Stop Ue a tre dei neonicotinoidi.

Mieli d'Italia -

27 aprile 2018

Il 27 aprile 2018 è una importante data, una data storica. La Ue con l’appoggio della grande maggioranza degli Stati membri ha messo fuori legge le principali molecole neonicotinoidi. Sono 16 i Paesi (corrispondenti al 76%della poloazione Ue) che hanno votato per il divieto di imidacloprid, clothianidin e tiametoxam: Francia, Germania, Regno Unito, Paesi Bassi, Spagna, Italia, Cipro, Lussemburgo, Malta, Austria, Portogallo, Svezia, Slovenia, Irlanda, Grecia, Estonia. Quattro Paesi hanno votato contro il divieto: Repubblica ceca, Danimarca, Ungheria e Romania. Mentre Belgio, Bulgaria, Croazia, Lettonia, Lituania, Polonia, Slovacchia e Finlandia si sono astenuti . E’ bene ricordare che purtroppo resterà autorizzato il loro uso nelle serre in tutta l’Ue e che altri insetticidi malefici tra cui thiacloprid, acetamiprid e sulfoxaflor continueranno ad essere esenti dal divieto.

Gli insetticidi più usati al mondo sono, infatti, da molti anni sul banco degli imputati per i loro devastanti effetti biocidi. Le multinazionali agrochimiche sono state colte, finalmente, sul luogo del delitto. E ‘crollato uno dei caposaldi dell’approccio agro intensivo, indifferente agli effetti sulla salute di uomo e ambiente! E’ l’ora della messa al bando definitiva anche di tutte le molecole, come acetamiprid, thiacloprid, con effetti sistemici e subdoli.

E’ l’ora di una indispensabile riflessione radicale e profonda sui metodi di coltivazione e di difesa delle colture. Se ci libera del giogo imposto dalle multinazionali agrochimiche le alternative sostenibili sono possibili e percorribili, basta volerlo.

 

Pagine