L'attività

La produzione

Premi e Riconoscimenti

Vincitrice dei Concorsi:

  • Apeparchi  2007 - Mieli dei Parchi d'Italia
  • TRE GOCCE D'ORO 2001 - Grandi Mieli d'Italia

Azienda aderente al Marchio "Sapore di Campania"


La storia dell'imprenditrice Adriana Ferrigno raccontata nel libro "Di lava e d'acciaio" di Francesca Vitelli.

 

Aggregatore di feed

Domenica 29 maggio al Parco Faunistico

Apitalia -

Domenica 29 Maggio 2016: una domenica che in molti zoo italiani sarà dedicata al mondo degli invertebrati. Al Parco Faunistico Valcorba (PD) gli amici Apicoltori dell'APAT accompagneranno i visitatori alla scoperta del meraviglioso mondo delle api, questi insetti fondamentali per il mantenimento degli ecosistemi e...

APIMELL 2017

Apitalia -

Sabato 24 e domenica 25 ottobre 2015 alla Fiera di Piacenza va in scena l’Edizione Speciale di APIMELL, la mostra mercato dedicata al mondo delle api e del miele. APIMELL Expo Special Edition sarà un appuntamento imperdibile per grandi e piccoli, e tutti quanti vogliono...

Corso di perfezionamento di 1° livello in analisi sensoriale del miele

Apitalia -

Centro Consorzi di Belluno, ente accreditato dalla Regione Veneto per i settori dell’obbligo formativo, della formazione continua, della formazione superiore e, da luglio 2011, dell’orientamento, ha organizzato un "Corso di perfezionamento in analisi sensoriale del miele" articolato in 3 giornate e che si terrà a...

Vi Convegno di Apicoltura Urbana

Apitalia -

L'apicoltura urbana non è un semplice settore della zootecnia, ma un movimento culturale: una costellazione di temi e interessi: le api per contribuire a ridare radici a chi ha dovuto emigrare, uno sbocco creativo a chi è limitato da una disabilità, un’idea positiva di libertà...

Una prima vittoria. L’Italia voterà no al rinnovo dell’autorizzazione al Glifosato

Mieli d'Italia -

20 ottobre 2017

Il 25 ottobre i Paesi Ue saranno chiamati a votare e i rappresentanti italiani esprimeranno la loro netta opposizione. Il Ministro dell’Agricoltura Maurizio Martina si era già espresso per la netta opposizione alla proposta della Commissione, il 18 ottobre anche la Ministra della Salute, Beatrice Lorenzin in un incontro con gli attivisti di Greenpeace ha comunicato l’opposizione dell’intero Governo alla ri-autorizzazione della molecola erbicida: “l’Italia voterà contro il rinnovo dell’autorizzazione al Glifosato”.
Lo scorso 3 luglio la coalizione Stop Glyphosate ha presentato ufficialmente i risultati dell’Iniziativa dei cittadini europei (ICE) a 28 autorità nazionali europee: 1.320.517 firme raccolte, quindi è stato raggiunto ampiamente il quorum.
Intanto, verso la fine di luglio, la Commissione europea ha riaperto il dibattito con i paesi membri sulla possibilità di rinnovare per altri 10 anni l’autorizzazione all’uso del glifosato, ma il Commissario per la Salute e la Sicurezza Alimentare, Vytenis Andriukaitis, ha reso noto che la Commissione europea non intende rinnovare la licenza senza il sostegno di una maggioranza qualificata degli Stati membri.

Una prima vittoria. L’Italia voterà no al rinnovo dell’autorizzazione al Glifosato

Mieli d'Italia -

20 ottobre 2017

Il 25 ottobre i Paesi Ue saranno chiamati a votare e i rappresentanti italiani esprimeranno la loro netta opposizione. Il Ministro dell’Agricoltura Maurizio Martina si era già espresso per la netta opposizione alla proposta della Commissione, il 18 ottobre anche la Ministra della Salute, Beatrice Lorezin in un incontro con gli attivisti di Greenpeace ha comunicato l’opposizione dell’intero Governo alla ri-autorizzazione della molecola erbicida: “l’Italia voterà contro il rinnovo dell’autorizzazione al Glifosato”.
Lo scorso 3 luglio la coalizione Stop Glyphosate ha presentato ufficialmente i risultati dell’Iniziativa dei cittadini europei (ICE) a 28 autorità nazionali europee: 1.320.517 firme raccolte, quindi è stato raggiunto ampiamente il quorum.
Intanto, verso la fine di luglio, la Commissione europea ha riaperto il dibattito con i paesi membri sulla possibilità di rinnovare per altri 10 anni l’autorizzazione all’uso del glifosato, ma il Commissario per la Salute e la Sicurezza Alimentare, Vytenis Andriukaitis, ha reso noto che la Commissione europea non intende rinnovare la licenza senza il sostegno di una maggioranza qualificata degli Stati membri.

Concorso Miele 2017, nuovo record di partecipanti

Aspromiele -

(20 ottobre 2017)

Un risultato inatteso, dopo una stagione apistica disastrosa ci aspettavamo una netta diminuzione del numero di campioni presentati al concorso “Mieli Tipici Piemontesi” Franco Marletto.
Invece in questo 2017 ghiacciato e siccitoso sono stati 197 i campioni presentati, molti di più rispetto ai 179 del 2016, anno del precedente record.
Il 3 novembre a Oleggio (NO) si riuniranno le giurie, formate da esperti in analisi sensoriale iscritti all’Albo nazionale, per la valutazione dei campioni e la scelta dei vincitori che saranno come di consueto premiati durante il convegno annuale di Aspromiele.

Pesticidi, pesticidi dappertutto!

Mieli d'Italia -

Gli alimenti principali delle api sono solo due: il nettare e il polline. Il nettare è la loro principale fonte di carboidrati, da cui deriva il nostro amato miele. Il polline e’ la loro principale fonte proteica. Però ci sono brutte notizie per le api, per l’ambiente, e per tutti noi: due studi pubblicati recentemente dimostrano che sia il nettare che il polline sono contaminati da numerosi pesticidi.

Il primo studio (qui), pubblicato su Science, ha analizzato 198 campioni di miele provenienti da tutto il mondo, e ha accertato che il 75% dei campioni di miele sono contaminati dai neonicotinoidi, insetticidi sistemici che oramai una valanga di studi dimostano essere una una delle principali cause del declino mondiale delle api e degli impollinatori. Ma c’è di peggio: il 45% dei campioni conteneva almeno due neonicotinodi, e il 10% più di quattro! Risultati sconcertanti, se pensate come la combinazione di due o più pesticidi assieme possa causare effetti sinergici, addirittura incrementando la tossicità e gli effetti dannosi di entrambi i pesticidi. Le concentrazioni trovate sono al di sotto dei limiti massimi consentiti dalla legge, ma quali sono gli effetti causati da esposizioni croniche (prolungate nel tempo) a cocktail chimici (effetti sinergici)? C’è ancora molto lavoro da fare (da parte di scienziati e pubblici poteri) per colmare questa lacuna legislativa.

Il secondo studio (qui), pubblicato su Science of the Total Environment, ha analizzato 554 campioni di polline raccolto dalle api in Italia nel corso di 3 anni (foto a destra). Il 62% dei campioni di polline conteneva almeno un pesticida, e il 38% dei campioni era contaminato da almeno due pesticidi. Nell’1% dei campioni sono addirittura stati trovati 7 pesticidi assieme! I limiti massimi di contaminazione da pesticida per garantire la sicurezza per il consumo umano sono stati superati nel 39% delle analisi svolte, e il 13% dei 53 apiari studiati e’ stato contaminato con quantità di pesticida oltre la soglia di sicurezza per la salute delle api. Tra i pesticidi analizzati, l’insetticida chlorpyrifos e’ stato quello piu’ comunemente trovato (30%), e il neonicotinoide imidacloprid e’ stato quello che ha prodotto il maggiore livello di rischio per la salute della api (il 12% dei campioni contaminati ha superato la soglia di rischio per le api). Addirittura, e’ anche stato scoperto che il polline raccolto conteneva pesticidi illegali, il cui uso e’ vietato da anni.

Risultati chiari: i pesticidi sono sparsi nell’ambiente in quantità inaspettatamente elevate, soprattutto se si considera il livello di contaminazioni multiple (più pesticidi in un singolo campione), e la quantità di diversi pesticidi trovati (anche illegali!). L’uso di numerosi e ripetuti trattamenti chimici ha portato ad un avvelenamento diffuso, con conseguente declino della salute dell’ambiente, e degli animali ivi presenti.

Bibliografia

Mitchell, E. A. D., Mulhauser, B., Mulot, M. and Aebi, A. (2017). A worldwide survey of neonicotinoids in honey. Science. 111, 109–111.

Tosi, S., Costa, C., Vesco, U., Quaglia, G. and Guido, G. (2018). A 3-year survey of Italian honey bee-collected pollen reveals widespread contamination by agricultural pesticides. Sci. Total Environ. 615, 208–218.

Lazise 2017: Convegno FAI sulla difesa dell’Ape Impollinatrice

Apitalia -

Domenica 8 Ottobre 2017 si parlerà di un “Patto tra Apicoltura e Agricoltura” al fine di “Preservare l’ape come impollinatore, diffondere le colture nettarifere e pollinifere”. Il 38° Convegno Nazionale di Apicoltura, che la FAI-Federazione Apicoltori Italiani ha avuto incarico di organizzare per conto del...

MielinFesta 2017

Apitalia -

Nella verde cornice del Parco Regionale Sirente Velino, l'8 ottobre si svolge a Rocca di Mezzo (AQ) l'edizione 2017 di "MielinFesta". A fondo pagina il link al programma della giornata...

MielinFesta 2017

Apitalia -

Nella verde cornice del Parco Regionale Sirente Velino, l'8 ottobre si svolge a Rocca di Mezzo (AQ) l'edizione 2017 di "MielinFesta". A fondo pagina il link al programma della giornata...

Milonia: tra mele, miele ed… orsi

Apitalia -

Il prossimo 7 e 8 ottobre ad Ortona dei Marsi (AQ) si terrà la manifestazione "Milnia tra mele, miele ed orsi". Ricco il programma delle iniziative che prenderanno il via con il Convegno dal tema "La difesa dagli attacchi della fauna selvatica; Cooperazione, lavorare insieme...

Tavola rotonda su avvelenamenti di alveari in Puglia

Mieli d'Italia -

5 ottobre 2017

Si è svolta venerdì 29 settembre 2017 presso il Palazzo della Cultura di Massafra (TA) una tavola rotonda promossa e organizzata da Unaapi in collaborazione con l’amministrazione comunale di Massafra, ARAP e Associazione apicoltori professionisti d’Abruzzo, sul tema

Avvelenamenti dolosi di alveari nel distretto agrumicolo di Taranto

L’incontro mirava a creare un momento di confronto e riflessione con le istituzioni, dopo gli avvelenamenti dolosi di oltre 200 alveari perpetrati a danno di vari apicoltori professionisti abruzzesi nel mese di maggio, durante la fioritura degli agrumi nella provincia di Taranto.

Glifosato, Aspromiele chiede alla Regione di intervenire

Aspromiele -

(03 ottobre 2017)

Aspromiele denuncia in Regione Piemonte la presenza negli alveari anche di glifosate, a causa della contaminazione ambientale. Problema già segnalato a livello mondiale, trova purtroppo conferma anche in Piemonte grazie all’iniziativa di biomonitoraggio sostenuta da Aspromiele interamente con le proprie risorse economiche e di personale. Si attende una forte iniziativa a livello legislativo in difesa dell’apicoltura e di tutto il comparto ambientale.

Leggi comunicazione inviata in Regione

Biomonitoraggio Aspromiele, Agosto 2017

Aspromiele -

(02 ottobre 2017)

Aspromiele nel 2017 ha avviato interamente con proprie risorse finanziarie e di personale la gestione di due centraline come progetto pilota di biomonitoraggio (Asti nord e Asti sud).
Questo servizio prevede mensilmente il campionamento delle matrici apistiche come miele e polline all’interno dell’alveare e successiva analisi multiresiduale. Inoltre vengono monitorati i flussi di volo, i pesi, la temperatura interna dell’alveare, la temperatura ambientale esterna e i giorni di pioggia. Inoltre con la presenza di trappole underbasket di fronte agli alveari si rilevano eventuali mortalità di api.

Non sono state segnalate mortalità di api attraverso le trappole underbasket. Le analisi relative al polline nell’alveare della postazione denominata Asti Sud del mese di agosto risultano con un livello di glifosate molto elevato pari a 244 ppb. Non sono stati rilevati altri principi attivi.

Vedi risultati biomonitoraggio

Sommariva del bosco - 12° edizione di ame'l'amel, festival dei mieli

Aspromiele -

(29 settembre 2017)

Si svolgerà sabato 30 settembre e domenica 1° ottobre la dodicesima edizione del festival dei mieli a Sommariva del Bosco. Nel tradizionale appuntamento del Roero si parlerà di “street food” con un focus su miele e polline domenica alle ore 16.00 nella struttura di Piazza Seyssel nel convegno “parliamo di miele”.
Maggiori info e programma completo: http://www.amelamel.it/

Convegno - Vespa velutina a che punto siamo?

Mieli d'Italia -

27 settembre 2017

Sabato 30 settembre dalle ore 9:00 si terrà a Traversetolo (PR), nei pressi del centro civico "la Corte Bruno Agresti" in via Cantini, un incontro sulla Vespa velutina.

L'evento, organizzato dall'associazione Apicoltori Reggio Parma in collaborazione con Unaapi, rappresenta un importante occasione per discutere sull'attuale situazione del calabrone asiatico in Italia e sulle misure da intraprendere per monitorarlo e limitarne l’espansione.
Data l’importanza della tematica affrontata, non esclusivamente di interesse apistico, e l’esperienza dei relatori sul tema, si invita tutti a partecipare.

Clicca qui per scaricare la locandina con il programma dell'evento.

Pagine